Studio Medico Dentistico Dott. Pasquale Cimmino (Albo Odontoiatri di Napoli  n°1851)
 
 
 
 
ORARI:
Lun/Sab 9:00 - 20:00
 
CHIAMA ORA:
0818321289
 
 
 
SEGUICI
 
CONTATTACI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Sbiancamento Frattamaggiore

 
 

la dentizione

 
Si definisce come dentizione il processo di comparsa dei denti all’interno del cavo orale. In rapporto a tale processo, si possono distinguere una dentatura decidua (formata dai cosiddetti denti da latte) e una dentatura permanente. La dentatura decidua consta di 20 elementi dentari, 10 per ogni arcata: 4 incisivi, 2 canini e 4 molari. La dentatura permanente è formata invece da 32 elementi, 16 per ogni arcata: 4 incisivi, 2 canini, 4 premolari e 6 molari. Quasi tutti i denti permanenti sostituiscono i corrispettivi decidui, tranne i molari permanenti che non hanno un dente deciduo soprastante. Infatti sono i premolari permanenti ad erompere al posto dei molari decidui. Contatta lo studio se necessiti di ulteriori informazioni sull’igiene dentale e lo sbiancamento e Frattamaggiore.

I primi denti ad erompere nei bambini sono gli incisivi centrali inferiori all’età di 5-7 mesi, seguiti dai superiori a 6-8 mesi. Successivamente si avrà l’eruzione degli incisivi laterali inferiori e superiori (rispettivamente 7-10 mesi e 8-11 mesi). Eromperanno poi i primi molari a 10-16 mesi, i canini a 16-20 mesi e i secondi molari a 20-30 mesi. Tra i 6 ed i 12 anni si osserva la cosiddetta dentizione mista, caratterizzata dai decidui che esfoliano man mano e dai permanenti in via di eruzione. Intorno ai 6 anni erompono in arcata i primi molari permanenti, ai 6-7 anni gli incisivi centrali, ai 7-8 gli incisivi laterali, ai 9 anni i primi premolari, ai 9-11 anni i canini, ai 10-11 anni i secondi premolari e ai 12 i secondi molari, infine i terzi molari possono erompere dai 17 ai 30 anni o spesso rimangono inclusi.

 
 
AFTE DEL CAVO ORALE
 
 
8 COSE CHE NON DEVI MAI FARE QUANDO LAVI I DENTI
 
QUANDO SPUNTANO I DENTI? IL CALENDARIO DELLA DENTIZIONE
 
METODO DI SPAZZOLAMENTO
 
SPAZZOLINO DURO: ECCO PERCHE' E' ASSOLUTAMENTE SCONSIGLIATO